Le 10 regole per i guanti monouso

I guanti monouso rappresentano un sistema di protezione e prevenzione indispensabile durante le pratiche di assistenza alle persone.

Esistono guanti monouso sterili e non sterili. In entrambi i casi occorre adottare delle regole per evitare la contaminazione batterica ed eseguire una ferrea pratica di igiene delle mani. Le mani degli operatori rappresentano infatti la prima fonte di trasmissione dei microrganismi durante l’assistenza: un’attenta igiene delle mani previene l’insorgenza delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali (I.C.P.A.)
Le mani devono essere pulite e lavate anche dopo la rimozione dei guanti, che non garantiscono la protezione totale dalla contaminazione.

I guanti monouso sono fatti per essere utilizzati un’unica volta, quindi per un unico paziente. Non possono essere puliti e riutilizzati  per lo stesso o un altro paziente pertanto devono essere poi gettati e smaltiti.

Nel caso in cui un guanto venisse danneggiato, o si rompesse durante il suo utilizzo dovrà essere obbligatoriamente sostituito, in quanto un guanto rotto non rappresenta uno strumento sanitario sicuro.

 

Segui la nostra sezione News per trovare altri articoli, cliccando QUI